Nonostante il calo, EOS continua a commerciare al di sopra del supporto a lungo termine

Nonostante il calo, EOS continua a commerciare al di sopra del supporto a lungo termine

admin 28. September 2020

IN BREVE

  • EOS sta negoziando un supporto quasi a lungo termine a 2,30 dollari.
  • Gli indicatori tecnici a breve termine hanno iniziato a diventare rialzisti.
  • EOS/BTC si è disaggregata dall’area di supporto a lungo termine di 3.250 satoshi.

Il prezzo EOS (EOS) è scambiato vicino ad un livello di supporto a lungo termine cruciale, una diminuzione al di sotto della quale potrebbe innescare un rapido calo. Tuttavia, il prezzo ha iniziato a mostrare segni rialzisti a breve termine, che sarebbero rafforzati da un breakout sopra i 2,60 dollari.

Livelli a lungo termine

Il grafico settimanale mostra che l’EOS è in calo da quando ha raggiunto il massimo di 8,65 dollari nel maggio 2019. Per tutta la durata del calo, il prezzo ha seguito una linea di resistenza decrescente.

Il prezzo sarebbe uscito da questa linea nell’agosto del 2020, ma è sceso di nuovo al di sotto di essa poco dopo, creando un breakout fallito, un segno ribassista.

Da allora, il prezzo è sceso fino all’area di supporto a lungo termine di 2,30 dollari.

Se il prezzo dovesse scoppiare, l’area di resistenza più vicina si troverebbe a 3,90 dollari, il livello di 0,618 Fib del precedente calo e il già citato picco di agosto.

Supporto cruciale

Il grafico giornaliero evidenzia anche l’importanza dell’area di supporto a 2,30 dollari. Il trader di Cryptocurrency @algohammie ha delineato un grafico EOS, affermando che il prezzo è scambiato in un’area di supporto cruciale, la cui perdita potrebbe innescare un calo molto rapido del prezzo.

L’area $2.30 funge da supporto dall’inizio di aprile, ed è fondamentale che il prezzo operi al di sopra di essa affinché la possibilità di continuare ad operare rimanga valida.

Tuttavia, gli indicatori tecnici non indicano ancora un’inversione di tendenza. Mentre il MACD ha iniziato ad aumentare, sia l’RSI che l’oscillatore stocastico sono in calo, non avendo generato alcuna divergenza rialzista/incrocio rialzista.

Il grafico a sei ore a breve termine mostra i primi segni di un’inversione. L’RSI e il MACD hanno generato divergenza rialzista, quest’ultimo ha attraversato in territorio positivo.

Un breakout al di sopra dell’attuale area di resistenza di $2,60 innescherebbe probabilmente un movimento al rialzo verso $2,93.

Conteggio delle onde

A partire dal 13 marzo, sembra probabile che l’EOS abbia completato una formazione A-B-C con l’alto del 17 agosto (mostrato in arancione sotto). Oltre ad avere il corretto conteggio delle sotto onde, le onde A:C hanno un rapporto 1:1, il che rende probabile che questo sia il conteggio corretto.

La diminuzione da allora è stata ora impulsiva, rendendo improbabile che il prezzo abbia iniziato un impulso ribassista.

Pertanto, è probabile che il prezzo sia in procinto di creare un’onda X, dopo la quale si verificherà un’altra formazione A-B-C.

EOS/BTC

La coppia EOS/BTC ha un aspetto notevolmente più ribassista rispetto alla controparte in USD. Il prezzo si è scomposto rispetto all’area di supporto di 3.250 satoshi e l’ha validata come resistenza in seguito. L’area fungeva da supporto dal settembre 2019.

L’unico segno rialzista deriva dalla potenziale divergenza rialzista nella RSI settimanale, che ha creato una trendline di supporto ascendente e potrebbe eventualmente iniziare un rimbalzo.

A meno che il rimbalzo non sia abbastanza forte da indurre EOS a recuperare l’area di 3.250 satoshi, il trend è considerato ribassista.